FBI “a caccia di spie cinesi” negli USA, Pompeo lancia crociata globale contro la Cina. Ormai Washington vuole scontro militare con Pechino

L’FBI ha affermato che i ricercatori cinesi con legami militari segreti sono attivi in ??dozzine di città degli Stati Uniti, proprio mentre il massimo diplomatico americano ha esortato il “mondo libero” a unirsi contro Pechino e tagliare i “tentacoli del mostro di Frankenstein”.

Attraverso una serie di interviste recenti, il Federal Bureau of Investigation afferma di aver scoperto uno “sforzo concertato” da parte di numerosi cittadini cinesi che conducono ricerche scientifiche negli Stati Uniti per “nascondere la loro vera affiliazione” all’esercito popolare di liberazione, con l’intento di ” approfitta degli Stati Uniti e del popolo americano “. Da allora, quattro di queste persone sono state accusate di frode sui visti, secondo il Dipartimento di Giustizia.

L’accusa arriva mentre Washington aumenta le tensioni con la Repubblica popolare, espellendo il personale diplomatico cinese da un consolato a Houston all’inizio di questa settimana mentre il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha avvertito che ulteriori strutture potrebbero essere chiuse.
 
Raddoppiando la retorica anti-cinese, il segretario di Stato Mike Pompeo è apparso ieri alla Biblioteca presidenziale Nixon in California per consegnare una crociata al confine con Pechino – che ha intitolato “La Cina comunista e il futuro del mondo libero”. Durante il discorso di 40 minuti, Pompeo ha invitato gli alleati degli Stati Uniti a unirsi a uno sforzo mondiale per “indurre un cambiamento” nel comportamento del Paese, avvertendo che Pechino è una minaccia per “il nostro popolo e la nostra prosperità”.
 
Mentre Pompeo ha affermato che l’amministrazione ha adottato un approccio “duro” nei confronti della Cina, ha insistito sul fatto che altre nazioni aderiscano all’iniziativa per “potenziare il popolo cinese”, fermandosi appena prima di chiedere un cambio di regime definitivo.
“Ogni nazione dovrà arrivare alla propria comprensione di come proteggere la propria sicurezza nazionale, la sua prosperità economica e i suoi ideali dai tentacoli del Partito Comunista Cinese”, ha avvertito Pompeo.
 
Il segretario di stato ha continuato a criticare il presidente cinese Xi Jinping come un “vero credente in un’ideologia totalitaria fallita”  affermando che “i comunisti mentono quasi sempre”. Sebbene Washington continuerà a trattare con Pechino, le “conversazioni sono diverse in questi giorni”, ha precisato  Pompeo, aggiungendo che il MO dell’amministrazione ora è “diffidenza e verifica” – dando una nuova svolta al falco a un proverbio russo famoso per essere stato invocato da Ronald Reagan nel suo rapporti con l’ex Unione Sovietica.
 
Mentre gli Stati Uniti si avvicinano alle elezioni presidenziali di novembre, negli ultimi mesi Washington ha scatenato un torrente di accuse contro Pechino – che vanno dal dare la colpa al paese per la pandemia di coronavirus a colpire presunte violazioni dei diritti a Hong Kong e altrove. La Cina ha ripetutamente negato qualsiasi illecito, insistendo sul fatto che gli Stati Uniti si stanno semplicemente distraendo dai propri problemi interni. Tuttavia, ha reagito ad alcune delle mosse più ostili di Washington, recentemente ha ordinato di chiudere un ufficio del consolato americano nella città di Chengdu in risposta alla chiusura simile avvenuta a Houston giorni prima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: